Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:59 METEO:FIRENZE18° 
Qui News tango, Cronaca, Sport, Notizie Locali tango
domenica 21 aprile 2024
corriere tv
Saviano: «La censura in Rai è un problema che riguarda tutti»

CommenTANGO lunedì 05 febbraio 2024 ore 16:10

Quel tanguero così antipatico!

di Marica Cavallo



. — Il tango per me è stata una grande scuola, e lo è ancora. Grandi gioie, grandi dolori, grandi successi, grandi illusioni. E anche tanti errori. Questo sicuramente rientra nella top ten. Da qualche settimana avevo notato un tanguero molto carino e molto elegante nei movimenti e nei modi. Lo avevo classificato tra i migliori con cui avrei voluto ballare. Per molte milonghe peró, il mio desiderio non sembrava avverarsi. Nessuna iniziativa da parte sua, ero praticamente invisibile. Una sera, tardi, a fine milonga venne a sedersi accanto a me, mentre cambiavo le scarpe:"Oh, che peccato avrei tanto voluto ballare con te!"Io sorrisi gentile e speranzosa:"La prossima volta con molto piacere!"

Passò una settimana, forse due e ci ritrovammo finalmente nella stessa milonga. Attesi fiduciosa tutta la sera il suo invito. Giocammo con gli sguardi, intrecci fuori tempo, le tande si susseguirono alle cortine e via altri tanghi, wals, milonghe... Ballai con altri, lui con altre e a fine serata, di nuovo, al cambio delle scarpette venne a sedersi alla mia sinistra:"Neanche stasera non abbiamo ballato"In quel momento sfruttati il dono del bipensiero. Ancora chinata sui miei stivaletti, mentre tiravo su il busto, e infilavo le scarpette nella loro sacchetta, dalla mia bocca poco sorridente uscirono parole del tipo:"Bhè dai, magari la prossima volta..." Mentre nella mia testa si presentava un cartello scritto nero su bianco "certo che se non mi inviti non balleremo mai!"Mi alzai e mi allontanai delusa e convinta che mi stesse prendendo in giro e che non avesse la minima intenzione di ballare con me.

Forse l'ultimo scambio di parole aveva tradito la mia irritazione o forse avevo capito tutto male io fin dall'inizio? Forse quel che io interpretai come un gioco di sguardi erano mirade da me incomprese? Non saprei. Quello che oggi ho ben compreso è stato il mio errore di valutazione. Durante la successiva milonga, si avvicinò con un sorriso gentile e spontaneo:"Oh bene, hai ancora le scarpette! Vogliamo provare?"Non osai rifiutare, ma avrei voluto. Mi alzai con aria scocciata, quasi a fargli un favore.

Ricordo ancora molto bene l'attimo prima dell'abbraccio iniziale. Ricordo la mia riluttanza a stare di fronte a lui. Ricordo il contatto del mio braccio sinistro sulla sua spalla e della mia mano destra con la sua mano sinistra. E ricordo i primi respiri. Non iniziammo subito.Le altre coppie ballavano e io e lui eravamo fermi a bordo pista. Fermi nel respiro. Non potevo sapere cosa pensasse o sentisse lui. Ma ricordo che ferma in quell'abbraccio ad ogni respiro la mia riluttanza si dissipava. Ricordo che iniziavo a sentirmi sempre più leggera. Ricordo che quando fui pronta a ballare, lui iniziò a ballare. E quel tanguero così antipatico, divenne un tanguero magico✨


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno


Ultimi articoli Vedi tutti

Musicalizadores

Musicalizadores

Musicalizadores

Musicalizadores